Prova resistografica

Analisi resistografiche

L’analisi resistografica consente di eseguire una diagnosi in campo e di visualizzare le variazioni di densità nelle strutture in legno. Tale variazione è dovuta ad agenti esterni quali umidità, insetti xilofagi (termiti, cerambicidi, tarli, lyctus).

Maggiorparte dei difetti delle strutture lignee si trovano sugli appoggi nelle strutture orizzontale o sotto il livello del suolo nelle strutture verticali. Le prove resistografiche possono essere effettuate ad identificare i rischi alla sicurezza, o per manutenzione straordinaria.  Il vantaggio è il risultato in tempo reale, quindi si può fare una dichiarazione in loco sulle condizione della struttura controllata.

E’ un metodo sostanzialmente non distruttivo ed il principio consiste nel misurare la resistenza alla penetrazione nel legno di un ago sottilissimo (Ø 3 mm) in acciaio armonico. La perforazione del legno, permette di diagrammare la densità interna del legno e la sua omogeneità in profondità. E’ quindi possibile approntare uno studio e trarre delle conclusioni riguardanti l’idoneità del legno a sopportare i carichi richiesti.

Lo strumento (Xilo-Graph dal greco ξύλον, “legno” e γράφω “scrivo”) restituisce un diagramma Profondità/Resistenza che incontra la punta di perforazione ad attraversare una sezione di un elemento in legno. Il profilo di densità, prodotto dalla strumentazione permette di misurare:

  • presenza di parti degradati;
  • variazioni di densità tra aree di legno estivo ed aree di legno primaverile;
  • la modalità di crescita dell’albero a secondo delle condizioni ambientali.

Il campo di applicazione dell’analisi resitografica è ampio: case a graticcio, edifici storici, ponti e palafitte nei porti, pali della luce, attrezzature per parchi giochi, cura e controllo degli alberi lungo le strade (parchi, foreste).

Leggi anche